Generali

  • Generali

    La scimmietta razzista

    Nel dicembre 2018, Prada, la nota società italiana operante nel settore della moda, è stata al centro di uno scandalo razziale. Tutto ha avuto inizio con la messa in commercio di alcune scimmiette in legno e metallo acquistabili come accessori sia dal sito di Prada che nei negozi. L’avvocato Chinyere Ezie, che nella sua biografia su Twitter si definisce “activist, mediamaker and Civil Rights Lawyer at @theCCR” (n.d.a. Center for Constitutional Rights), ha espresso il suo dissenso e ha ringraziato sarcasticamente la casa di moda in quanto la scimmietta rappresenterebbe un esempio di Blackface. Il fenomeno, nato principalmente in contesto teatrale, rappresenta il modo derisivo e stereotipante con il quale…

  • Generali

    Incendio a Notre Dame: tra cordoglio e fuochi di paglia

    “C’era una grande fiamma che saliva fra i due campanili con turbini di scintille, una grande fiamma disordinata e furiosa, di cui il vento ogni tanto si portava via un lembo nel fumo”. Queste le parole del romanzo “Notre Dame de Paris” che Victor Hugo scrisse nel 1831. Profezia o casualità che sia, ecco apparire questo capolavoro francese tra i libri più venduti su Amazon a metà aprile 2019. La motivazione? Il bisogno della gente di leggere con i propri occhi l’incredibile previsione avveratasi tra lunedì 15 e martedì 16 aprile 2019. Fumo via via più scuro prende vita dal tetto della cattedrale di Notre Dame. Quasi cinquecento i vigili…

  • Generali

    Striscioni sul fianco

    Brembate (BG), 13 maggio. Evento in programma: aperitivo elettorale con il Capitano. Tutto regolare, sennonché compare appeso sul balcone di una palazzina uno striscione bianco che sentenzia “Non sei il benvenuto”. Alle 9 di mattina viene rimosso dai Vigili del Fuoco, su ordine della Questura di Bergamo. Già era avvenuto qualcosa di simile a Salerno il 6 maggio, dove la Digos aveva rimosso da un balcone il messaggio “Questa Lega è una vergogna”, e a Bari, dove per poco ha sventolato lo scabro ma vibrante accostamento “Salvini bimbominkia”. La risonanza dei due precedenti episodi era però stata inevitabilmente compromessa dalla natura chiaramente offensiva nei confronti di un partito politico e…

  • Generali

    Non svegliare l’uom che dorme

    I protagonisti di questa storia non sono tanto le vittime o gli aggressori, quanto coloro che, presa visione dei fatti, ne danno una loro versione esponendo idee e opinioni che sebbene ad una prima visione possano sembrare talmente chiare e lineari da parere inevitabilmente giuste, allestiscono in realtà terribili conseguenze e osceni presupposti. Diamo quindi uno sguardo a tre esempi cercando, per quanto ci è possibile, di rintracciarne le affinità: Nella puntata del 22 marzo 2019[1] di Povera Patria (un programma di approfondimento che va ora in onda il lunedì su Rai2) la sezione finale è dedicata al tema della prostituzione.  La discussione prende avvio attorno alla proposta avanzata dalla…

  • Generali

    “So qual è il mio dovere”

    Penso che sia difficile riuscire a ricavare un’idea chiara, un identikit fedele del fenomeno dello spreco mondiale di acqua affidandoci solo ai dati riguardanti la contemporaneità, soprattutto per la grande maggioranza delle persone che ha sempre vissuto l’uso dell’acqua, fin dalla loro primissima età, come un fatto costitutivo della loro quotidianità. Non volendo rinunciare ad avere uno sguardo obiettivo sulla realtà ma nemmeno volendo pretendere di possedere una panoramica completa e soddisfacente di tutti i problemi che affliggono le risorse idriche mondiali possiamo scegliere di seguire i primi passi del fenomeno che ci è più prossimo, di quello che assiduamente è presente nella nostra routine: l’acqua corrente. Dando un occhiata…

  • Generali

    Approvata dall’Europarlamento la legge sul copyright

    Il 26 marzo 2019 l’Europarlamento ha dato il via libera per la legge sul copyright. La legge verrà ora trasmessa ai Parlamenti dei singoli stati membri, che avranno due anni di tempo per seguire le direttive. Il provvedimento, passato con 348 voti a favore, 274 contro e 36 astenuti, è il frutto di due anni di lavoro e ha scatenato una forte reazione, tra chi grida alla censura di Internet e chi afferma che finalmente grandi piattaforme come Facebook e Youtube dovranno prendersi le proprie responsabilità. Favorevoli e contrari. Secondo l’europarlamentare tedesco Axel Voss “con questa riforma non c’è censura. La libertà di espressione non viene limitata […] Google, Facebook…

  • Generali

    Quando non sai che pensare… pesta il pane

    Il 6 aprile quotidiani e telegiornali raccontavano la manifestazione dei residenti del quartiere romano di Torre Maura contro l’arrivo di 70 persone di etnia rom nel centro di accoglienza della zona, in via Codirossi. Dimenticati dall’amministrazione romana ed esasperati dalla difficile convivenza con le famiglie rom, i cittadini del posto si sono riuniti per rendere manifesto il loro grande ed annoso disagio. Ad incanaglire ed agitare le persone riunite è intervenuto qualche mastino di prim’ordine di FN e CasaPound: datemi la rabbia e vi solleverò il mondo. La collera e il rancore accumulati da qualche manifestante inferocito sono sfociati concretamente nella disintegrazione dei panini destinati alle famiglie rom e nell’atto…

  • Generali

    Il provvedimento per la legittima difesa: cosa cambia?

    Il 6 marzo 2019 la Camera dei deputati ha approvato con 373 voti favorevoli il disegno di legge sulla legittima difesa, che a partire dal 26 marzo passerà il vaglio al Senato. Il provvedimento, votato da tutto il centrodestra e da parte dei Cinque Stelle, sembra avere particolare importanza per la Lega che, durante la campagna elettorare, si era concentrata principalmente su due temi: l’immigrazione e, appunto, la legittima difesa. Bisogna innanzitutto chiarire che questo provvedimento altro non è che una modifica di una legge già in vigore, quella del 2006, di cui verrebbero modificati solo alcuni articoli, tra l’altro nemmeno importantissimi. Le modifiche sono le seguenti: l’aggiunta dell’avverbio “sempre”…